.
Annunci online

 
forzapaddick 
per gli amici paddick
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  christian rocca
andrew sullivan
luca sofri
tom
linguafranca
coniglio cattivo
faredire
bitful
leonardo
macubu
marquant
inkiostro
political theory
salam pax
euston station
Petunias
brodo primordiale
EmmeBi
achille
macchianera
sai tenere un segreto
belle de jour
pubblicodimerda
ottovolanteliala
peking duck
citta' d'iram
ha
herzog
over your head
  cerca

Brian Paddick, Commander Brixton Police (Original pic: Sarah Lee)

chi e' brian paddick ? qui trovate la sua storia...

...e qui Todd brinda alla salute dei visitatori di questo blog...cin cin!!!

 

per contattarmi, insultarmi o altro scrivetemi a

forzapaddick@libero.it


 


 

Diario | Quando Rocca e' in vacanza... | Brian Paddick | economia | politica | Radio Londra | casa Bonino | strani personaggi inglesi |
 
Diario
1visite.

8 ottobre 2004

le relazioni transatlantiche

lunedi' scorso c'e' stata l'ultima puntata di Ny-Lon. Ny-Lon e' stata una serie strana. Iniziata in un mare di critiche negative. Ha poi progressivamente guadagnato consenso dalla critica ma perso in continuazione spettatori. Io l'ho trovata fantastica. Una Sex and the City per grown-ups. Gia' a cominciare dalla scelta delle location, a NYC come a Londra. Dai personaggi. Dalle loro storie. Da quel che fanno. Dalle persone che vedono e frequentano. Dalle cose che gli succedono. E' una serie in cui ci si immedesima molto. Non e' intrattenimento puro, e molto e' lasciato allo spettatore nella comprensione e interpretazione delle dinamiche tra i personaggi. Non e' quel che succede il fulcro, come in tutte le altre serie. Anzi, come ironizzava Time Out, in tutte le puntate il plot e' sempre lo stesso: uno dei due protagonisti prende l'aereo, incontra l'altro, scopano, litigano, quello riparte, e lascia l'altro di fronte alla Tate Modern o nel Lower East Side a guardare nel vuoto con sottofondo di Run degli Snow Patrol. tutte le puntate cosi'. che palle, penserete voi. e invece no. c'e' qualcosa che ti cattura inspiegabilmente di questa storia teoricamente ripetitivissima e noiosissima. c'e' forse una banalita' del quotidiano metropolitano, dei suoi problemi, delle sue relazioni, che ti conquista all'istante. che ti fa partecipare emotivamente alla storia in un modo diverso. piu' profondo. piu' grown up, appunto.


come scriveva la guida TV del Guardian, e' inspiegabile come questa serie possa tenere avvinti. ma ci riesce, in qualche strano modo. non con tutti, certo. e' qualcosa di nuovo, di diverso. non per tutti i palati. ma per me ha enormi potenzialita'. si vedra' dalla prossima serie.....




permalink | inviato da il 8/10/2004 alle 14:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre